Il Padre Generale in Lituania

La Provincia di Lituania e Lettonia celebra il 450° anniversario dell’arrivo dei primi gesuiti a Vilnius nel 1569 con conferenze, concerti, un festival teatrale, un incontro di ex-allievi, l’incontro Magis-Europe 2019, una mostra presso la Biblioteca Universitaria di Vilnius... e la visita del Padre Arturo Sosa, Superiore Generale.

Il collegio dei gesuiti di Vilnius ha dato il benvenuto al Padre Sosa tra i magnifici canti del coro della scuola, Krantas. Tuttavia, forse la parte più interessante della giornata è stato lo scambio di “domande e risposte” con gli studenti. Una ex studentessa ha curato la traduzione tra lituano e spagnolo.

Ecco alcuni punti salienti della conversazione.

“Qual è l'influsso delle scuole gesuite sui propri studenti?”

Il Padre Generale ha risposto che si tratta di preparare gli studenti a vivere in un mondo in continuo cambiamento. Egli ha osservato che all’inizio la scuola era riservata ai ragazzi; oggi, sono ammesse anche le ragazze, e la metà degli studenti delle circa 200 università gesuite sono di sesso femminile. Ha sottolineato inoltre che l’educazione gesuita è a disposizione di tutti, compresi i giovani senza risorse finanziarie che aderiscono a programmi come Fe y Alegría che conta migliaia di scuole e milioni di studenti a livello globale. In un’epoca di rapidi cambiamenti, è difficile prevedere come sarà il mondo, ma lo scopo dell’educazione gesuita è sempre quello di educare tutte le dimensioni della persona, di accompagnare gli studenti per aiutarli ad affrontare situazioni nuove e impreviste.

“Che cosa significa il quarto voto?”

Per spiegare questo voto, il Padre Generale ha fornito l’esempio di Ankara, in Turchia, dove il vescovo è stato assassinato. Papa Francesco ha chiamato poi il Padre Generale e gli ha chiesto un gesuita come nuovo vescovo. Un altro esempio è il fatto che Papa Francesco non solo ha approvato, ma ha anche considerato “come missione” le quattro Preferenze apostoliche della Compagnia di Gesù, annunciate di recente.

“Qual è il suo rapporto con il Santo Padre?”

Il Padre Generale ha detto che entrambi sono originari dell’America Latina e che si sono conosciuti durante gli studi di teologia e poi durante la 33ª Congregazione Generale. Il loro rapporto è fraterno, fiducioso, parlano apertamente tra di loro; Papa Francesco conosce e rispetta la Compagnia di Gesù. Non interferisce nei suoi affari.

“E la secolarizzazione in Europa?”

A questo proposito il P. Generale ha immediatamente aggiunto: “... e nel mondo?”. Per lui, la secolarizzazione è un segno dei tempi. Dobbiamo scoprire come lo Spirito Santo guida la Chiesa e la sua missione nel nostro tempo, e vedere nuove opportunità di evangelizzazione. Dobbiamo evitare la nostalgia, come se qualcosa fosse andato perduto, e adottare una nuova prospettiva. Il compito della Compagnia di Gesù è offrire la sua tradizione spirituale per accompagnare e aiutare le persone a trovare la propria strada verso Gesù, sulla base degli Esercizi Spirituali e del discernimento. È importante la qualità della comunità cristiana, non la quantità.

La prossima tappa della visita di Padre Sosa sarà nella città di Kaunas, la seconda città più grande della Lituania.