Il P. Frans era una persona straordinaria: pienamente umano, pienamente vivo. Era affettuoso e compassionevole verso tutti. Per i giovani, era un ispiratore e un motivatore, che non si stancava mai di escursioni, trekking e lunghe passeggiate nella natura. Per gli anziani era un amico e un mentore, e i bambini più piccoli amavano appendersi alle sue lunghe gambe. Per i musulmani e i cristiani, per gli atei e gli agnostici, per coloro che appartenevano a vari gruppi e riti religiosi, era un costruttore di ponti, un conciliatore, una persona che poteva ottenere il meglio da tutti. Per chi era debole o perso, dal punto di vista spirituale, era una fonte di forza e un paziente ascoltatore.

Il 6 aprile, centinaia di persone di ogni estrazione sociale si sono riunite a Homs per celebrare la memoria di Abouna Frans. Per molti di coloro che lo avevano conosciuto, era la prima volta che si incontravano dopo la sua morte, cinque anni prima, durante gli anni della guerra. Nell’omelia della celebrazione eucaristica, il P. Arturo Sosa, Superiore Generale della Compagnia di Gesù, ha condiviso con l’assemblea dei brani dell’omelia del P. Frans durante la sua prima messa, il 30 maggio 1971, in cui aveva detto: “Solo quando le mie mani sono vuote posso veramente ricevere l’altro”.

Parole profetiche di un uomo che, come il suo maestro Gesù di Nazareth, ha vissuto queste parole, accogliendo gli altri con gioia e senza condizioni. Il 7 aprile, quinto anniversario del martirio di Abu Frans, erano attese centinaia di persone nella chiesa dei gesuiti di Saint Joseph a Beirut per una speciale eucaristia di ringraziamento presieduta dal padre Arturo Sosa.

Abouna Frans è un balsamo calmante per il nostro mondo spezzato e frammentato. La sua voce era quella della riconciliazione e della pace. Trascendeva gli stretti confini della religione e dei rituali; ognuno per lui era una sorella o un fratello - un essere umano. Ha dato a tutti un senso e uno scopo nella vita. Li accompagnava, li conduceva e comunicava loro l’amore. E, infine, come Gesù, ha dato la sua vita per il suo popolo e per un bene più grande! Egli continua a vivere nei cuori e nelle menti di molti!

Leggi l'omelia del Padre Generale.

Leggi l'intervento del P. Arturo Sosa in occasione della commemorazione del 5° anniversario del martirio del P. Frans van der Lugt.

Etichette: Padre Generale Siria