Workshop per gli economi e i membri degli uffici dell'economato provinciale

Dal 27 al 31 gennaio, l'équipe dell'Economo generale ha offerto un workshop a 19 partecipanti (15 gesuiti + 4 laici associati) in rappresentanza di tutte e sei le Conferenze dei gesuiti. Spiega P. Charles Lasrado, che ha facilitato i lavori:

"Ognuna delle 94 unità amministrative (Conferenze, Province, Regioni e Missioni) della Compagnia di Gesù ha un economo. La Compagnia ritiene importante che coloro che hanno questa delicata missione siano ben preparati e consapevoli delle norme della Compagnia sulla povertà, nonostante abbiano familiarità con le sue direttive sull'amministrazione dei beni.   L'ufficio dell'Economo generale ha perciò organizzato un workshop di cinque giorni per i nuovi economi gesuiti e i loro associati.

Il workshop comprende una rilettura dell'Istruzione sull'amministrazione dei beni, delle procedure su come trattare con la Curia generale e come affrontare le questioni pratiche derivanti dal ruolo di economo. Ai partecipanti viene offerta una presentazione globale della Compagnia e della sua missione, e un'ampia panoramica sulle questioni finanziarie".

Ecco la testimonianza di uno dei partecipanti, Keith McMillan, della Provincia britannica,

Nessuno si fa gesuita con una specifica vocazione a essere economo provinciale, neppure nel mio caso, quando sono entrato come contabile qualificato. Tuttavia, ormai gesuita maturo, mi è stato chiesto di essere economo della Provincia. Registro i movimenti del denaro e cerco di tenere in ordine debiti e crediti.

Ma, al di là di questo, considero il mio compito di economo come una missione per facilitare il passaggio della mia Provincia di Gran Bretagna dal passato al futuro. Apprezzo i secoli di sacrifici compiuti dai miei compagni gesuiti per consegnare a noi le risorse destinate al nostro uso attuale, in questo mondo in continua evoluzione. Inoltre, la mia missione è anche quella di trasmettere ai futuri gesuiti i beni che possono essere al servizio della Chiesa in un lontano futuro. Il valore finanziario porta sempre in sé anche valori sociali, che lo trascendono.

Questo workshop per i nuovi economi gesuiti ci permette di rendere praticabile la moderna disciplina fiscale, insieme al suo profondo valore di base, in un'umile comunità gesuita che si sforza di essere al servizio della Chiesa, specialmente dei poveri. Il nostro “modo di procedere", direttamente collegato a Sant'Ignazio e alle sue indicazioni nel fondare le strutture della Compagnia, fornisce mezzi sistematici per mantenere questi valori vivi e vibranti nei nostri sistemi, e quindi nelle nostre decisioni e azioni. La responsabilità non solo ci obbliga a collegarci con i nostri confratelli gesuiti nel tempo, ma ci permette anche di collegarci con le altre Province attraverso la vastità dell'attuale lavoro dei gesuiti.

Tra di noi sono presenti economi di tutti i continenti. Queste amicizie e questi valori condivisi daranno il loro frutto. Apprezziamo tutti il lavoro e la dedizione per far sì che tutto questo si realizzi.

Etichette: Curia