La Grotta di Sant’Ignazio di Manresa ha accolto questo mercoledì, 26 settembre 2018, la visita del Superiore Generale della Compagnia di Gesù, il P. Arturo Sosa. Era un desiderio del P. Generale dedicare una giornata del suo viaggio in Catalogna alla sua prima visita alla grotta e ai luoghi della Manresa ignaziana che segnano la biografia di Sant’Ignazio e la storia della Compagnia di Gesù.

Nel 1522, Ignazio di Loyola si recò a piedi da Montserrat a Manresa, dove trascorse undici mesi. Fu un periodo di fondamentale importanza per la sua vita e per quella che sarebbe diventata la Compagnia di Gesù. Il luogo privilegiato per le sue preghiere era la Grotta. L’esperienza vissuta lì da Sant’Ignazio ha dato vita agli Esercizi Spirituali.

La giornata del P. Arturo Sosa a Manresa è trascorsa in un clima di preghiera e di avvicinamento personale all’esperienza del pellegrino Ignazio. Nella mattinata alla Grotta, si è trattenuto a lungo in raccoglimento e preghiera personale. In seguito ha celebrato l’Eucaristia, ringraziando dell’opportunità di poterlo fare in quello spazio, così centrale per la spiritualità ignaziana. Come aveva già fatto il giorno precedente a Barcellona, nell’omelia nella Grotta ha fatto riferimento alla disponibilità dei gesuiti, legata alla libertà interiore, necessaria per essere fedeli alla missione.

Il P. Sosa ha lodato i lavori che sono stati realizzati tre anni fa alla Grotta e che hanno consentito che si recuperasse l’ambiente di roccia e di pietra che avvicina all’esperienza originale di Sant’Ignazio.

Il soggiorno a Manresa ha anche consentito al P. Generale di avere un incontro con il sindaco della città e membro del patronato della Fundació Cova Sant Ignasi, Valentí Junyent, e con l’Assessore al Turismo locale, Joan Calmet, in cui hanno potuto parlare di alcuni aspetti concernenti la preparazione della celebrazione del 500º anniversario dell’arrivo di Sant’Ignazio a Manresa.

Accompagnato e guidato dal Padre gesuita Xavier Melloni, il P. Sosa ha seguito un itinerario che lo ha condotto in alcuni dei luoghi della Manresa ignaziana, come la Cappella dell’Estasi, l’antico Hospital de Santa Llúcia, la Creu de Tort o il Pou de la Llum, luogo dove Ignazio, in cammino verso la cappella di San Paolo, si fermò e guardando il fiume visse l’esperienza del Cardoner, illustrata nella sua autobiografia. Il P. Generale ha potuto ricordare quel momento con la lettura del frammento dell’Autobiografia che la contiene.

Nel Santuario della Grotta, il P. Luís Magriñá, superiore dei gesuiti di Manresa, ha presentato la bozza del progetto per la ristrutturazione del Santuario a cui sta lavorando, su una proposta dell’artista gesuita sloveno Marko Rupnik.

Con questa visita il P. Generale ha anche potuto conoscere e percorrere i nuovi spazi del Centro Internazionale di Spiritualità della Grotta di Sant’Ignazio e la programmazione che offre. Il P. Sosa ha esortato la comunità dei gesuiti di Manresa e il personale del centro a continuare a lavorare per promuovere la rete internazionale dei centri di spiritualità della Compagnia di Gesù.

Etichette: Padre Generale Spagna