"Nessuna attività che promuova un vero progresso umano e costruisca ponti tra i popoli è estranea al nostro servizio basato sulla fede. È con questa visione umanistica che i gesuiti di Kohima, come i loro confratelli in altre parti del mondo, offrono il loro servizio al popolo del nord-est dell'India.”

Questo è il fulcro del messaggio che padre Arturo Sosa, in qualità di Superiore Generale dei gesuiti, ha rivolto agli ex studenti, uomini e donne, delle istituzioni educative gesuite di Phesama, vicino a Kohima, nel nord-est dell'India. Negli ultimi 50 anni, gran parte degli sforzi dei gesuiti nella regione hanno portato alla creazione di scuole di qualità per servire le popolazioni spesso dimenticate di questa regione periferica. Per il Padre Generale, è possibile cambiare il mondo in meglio se ci si impegna nel cuore di questo mondo con spirito di servizio.

Se è vero che il mondo sta cambiando velocemente e che in esso ci si può sentire disorientati, il Generale dei gesuiti ha ricordato che Sant'Ignazio fondò la Compagnia di Gesù in un momento paragonabile della storia umana, il Rinascimento. Ecco cosa ha detto a questo proposito:

"Proprio come la nostra era postmoderna è coinvolta nel vortice di cambiamenti sconcertanti e rapidi che interessano tutte le sfere della vita umana, così l'Europa del XVI secolo stava attraversando un lungo periodo di turbolenze. Il Rinascimento, la Riforma e una nuova entusiasmante ricerca scientifica avevano creato un clima di umanesimo liberale e di atteggiamento interrogativo. Sebbene questo abbia seminato dubbi e confusione, generò anche nuova energia e una ferma ricerca di nuove risposte a nuove domande.

Fu in questo clima che Ignazio di Loyola e i suoi sei compagni, intellettualmente brillanti, studiarono per sette anni (1528-1535). Come studenti laici, erano esposti al fermento intellettuale, all'umanesimo liberale e alla modalità libera e aperta di porsi questioni che prevaleva in quel momento. E, formatisi negli Esercizi Spirituali - l'esperienza dell'incontro con Dio e del discernimento della volontà di Dio per il mondo e per sé stessi - poterono già da giovani laici affrontare di petto questi venti di cambiamento. Nel discernere l'apertura allo Spirito di Dio che parlava loro nei segni dei tempi, essi accettarono ciò che portava a Dio e al vero progresso umano; misero da parte ciò che li divideva e lottarono contro ciò che era pericoloso per un sano ordine sociale.”

Gli ex alunni delle istituzioni gesuite dovrebbero avere questa energia nell'impegno al centro di un mondo in rapido cambiamento, l'energia necessaria per avanzare verso un vero progresso. Il P. Sosa ha ricordato loro alcuni criteri per valutare se l'educazione ricevuta ha dato veramente i suoi frutti.

"La vostra formazione in un'istituzione della Compagnia di Gesù dovrebbe avervi aiutato ad aprire la vostra mente ad orizzonti più ampi, al di là del semplice interesse personale, ad assumervi responsabilità per voi stessi e per la società, in modo da diventare agenti di cambiamento sociale, 'uomini e donne per e con gli altri'. I valori che avete assimilato nell'educazione gesuita vi preparano ad affrontare il mondo con tutte le sue complesse sfide e a dare un contributo significativo alla creazione di una società più umana. (...)

È attorno a questa visione condivisa che i nostri campus educativi cercano di promuovere l'unità e l'armonia, abbracciando e trascendendo la piena diversità delle identità religiose, etniche, tribali e linguistiche. Se questo elemento essenziale manca, per quanto la vostra carriera possa avere successo, la nostra formazione avrà fallito nel suo scopo primario. Non sono soprattutto i risultati accademici o le prestazioni atletiche, né la bellezza e le strutture di un campus educativo a misurare il successo dell'educazione gesuita. È la qualità della vita dei nostri ex studenti. Questa è la prova migliore che i valori per i quali la Compagnia di Gesù è stata creata hanno avuto un certo successo. Sono valori che cerchiamo di condividere, nella nostra vita e attraverso le nostre istituzioni educative, con il nostro personale e con gli studenti.”