Dal 21 al 24 maggio si è tenuta presso la Curia generale la seconda riunione dei delegati degli uffici per lo sviluppo delle sei Conferenze della Compagnia, in rappresentanza dei 56 uffici per lo sviluppo esistenti. Il tema dell’incontro era “Amici nel Signore”. Abbiamo sperimentato che le conversazioni spirituali che ci rendono amici nel Signore sono il dono più strategico che abbiamo ricevuto per svolgere la nostra missione.

Lo scopo di quest’incontro è stato quello di fornire al Padre Generale le risposte alle sue domande su come, nei prossimi dieci anni, gli uffici per lo sviluppo continueranno ad invitare uomini e donne di tutto il mondo a partecipare alla missione affidataci dal Santo Padre, nel quadro delle quattro Preferenze apostoliche universali (PAU).

Il primo giorno, il Padre Generale, l’Economo Generale e il Consigliere per il Discernimento e la Pianificazione Apostolica ci hanno presentato il quadro in cui dobbiamo lavorare: le Preferenze, orientamenti su come procedere con i beni e i benefattori, e come curare il profondo legame spirituale che ci unisce al nostro lavoro. La consacrazione dell’amicizia nel Signore per la missione è un esercizio di profonda cura pastorale.

La mattina del secondo giorno “abbiamo ascoltato” coloro che hanno esperienza nel “far appassionare uomini e donne alla missione”. Manos Unidas dalla Spagna, Misereor dalla Germania e la Red Xavier ci hanno illustrato come ci riescono. Nel pomeriggio, l’Assistente per la Formazione e il Segretario per l’Istruzione Primaria e Secondaria ci hanno presentato le opportunità e le sfide che affrontiamo all’interno della Compagnia per progredire nella costruzione di un corpo apostolico al servizio della missione comune. Abbattere le barriere competitive tra opere, settori apostolici e Province è qualcosa in cui siamo chiamati a cooperare con lo Spirito.

Il terzo giorno è consistito nel “sentire” ciò che il Signore ci ha invitato a rispondere al Padre Generale, illuminati dai relatori e dall’esperienza degli ultimi dieci anni. È stata una giornata di preghiera personale, di conversazione spirituale a due e in gruppo. Abbiamo concluso la giornata con una bozza delle risposte che volevamo offrire al Padre Generale.

Il quarto giorno, abbiamo dovuto “confermare” ciò che il Signore ci mostrava come il cammino da seguire nel prossimo decennio e presentarlo al Padre Generale come nostro contributo alle decisioni che deve prendere riguardo: 1) all’apostolato che operano gli uffici per lo sviluppo laddove si trovano o dove potrebbero essere istituiti, 2) al ruolo delle reti degli uffici per lo sviluppo in ogni Conferenza, e 3) al ruolo dell’Ufficio per lo sviluppo della Curia Generale a Roma. In tutto questo, abbiamo sperimentato ancora una volta quanto la conversazione spirituale e il discernimento siano fondamentali per rispondere alla missione di Gesù espressa nelle PAU. La nostra sfida è integrare i giovani nella nostra missione degli uffici per lo sviluppo. Questo fa parte della nostra risposta alla Preferenza di accompagnare i giovani come soggetti attivi al servizio della sostenibilità della missione di Gesù.

Etichette: Curia