Il Padre Generale Arturo Sosa è tornato a Roma per il primo fine settimana di gennaio giusto in tempo per ospitare i gesuiti che vivono e lavorano a Roma. Era una serata nuvolosa, con le strade brulicanti di turisti in abbigliamento antipioggia. Pur uscendo gradualmente dalle feste, i volti emozionati sembrano suggerire la disposizione a non affrettarsi a tornare alla routine quotidiana.

Quest’incontro ha avuto luogo il 4 gennaio scorso presso la Curia generale; si è trattato di una serata di convivialità fraterna. Anche se alcuni dei gesuiti che studiano a Roma hanno esami che si profilano all’orizzonte, hanno comunque trovato il tempo per chiacchierare con i confratelli gesuiti, favorendo al contempo lo spirito di unione delle menti e dei cuori.

L’esperienza di questa serata ci ha ricordato le parole del famoso scrittore nigeriano Chinua Achebe nel suo libro Things Fall Apart: “Un uomo che chiama i suoi congiunti a una festa non lo fa per non farli morire di fame. Ognuno di loro ha da mangiare nella propria casa. Quando ci riuniamo nella piazza del villaggio al chiaro di luna, non è per la luna. Ognuno può vederla dal proprio cantuccio. Ci riuniamo perché è bene che i congiunti lo facciano”.

Galleria fotografica

Etichette: Padre Generale Curia